Home   Contatti
   
  CHI SIAMO - COSA FACCIAMO - COME LO FACCIAMO - PER CHI - SEDI OPERATIVE e PRESIDI  
             
 

Impianti Geotermici

La geotermia rappresenta una fonte energetica rinnovabile ad elevato potenziale applicativo, che sfrutta il calore proveniente dal sottosuolo.
Oltre allo sfruttamento per la produzione di energia elettrica in grandi centrali, che utilizzano il calore proveniente dal sottosuolo ad alta temperatura, è possibile utilizzare tale fonte di energia, presente pressochè ovunque a basse temperature, per climatizzare un edificio, sia in regime di riscaldamento, che di raffrescamento.
Un impianto di climatizzazione geotermica sfrutta la temperatura costante del terreno (in Italia compresa tra i 12 e i 17°C) negli strati più superficiali fino ad una profondità di 100 metri circa.
Presenta inoltre notevoli vantaggi:
- sostituisce o integra efficacemente i tradizionali impianti di climatizzazione; produce caldo, freddo e acqua calda sanitaria consentendo notevoli risparmi economici grazie all’efficienza della pompa di calore;
- dà un sensibile contributo alla riduzione di emissione di CO2 in atmosfera;
- è una tecnologia consolidata e commercialmente matura.

Solo in Germania, ad oggi risultano installati oltre 115 mila impianti geotermici a bassa temperatura presso edifici residenziali, commerciali e del terziario.

 

Impianti Fotovoltaici

Un impianto fotovoltaico è costituito da un insieme di apparecchiature che consentono di trasformare direttamente l’energia solare in energia elettrica. Gli impianti per la produzione di energia elettrica mediante tecnologia fotovoltaica presentano diversi vantaggi, tra i quali i più significativi sono:

- assenza di qualsiasi tipo di emissioni inquinanti;
- risparmio dei combustibili fossili;
- estrema affidabilità poiché non esistono parti in movimento (vita utile superiore a 25 anni);
- costi di manutenzione ridotti al minimo;
- modularità del sistema (per aumentare la taglia basta aumentare il numero dei moduli).

Una prima classificazione delle tipologie di impianti fotovoltaici può essere la seguente:
- impianti autonomi funzionanti in isola (stand-alone);
- impianti collegati in parallelo alla rete elettrica pubblica (grid connected).

Questi ultimi generalmente non dispongono di dispositivi di accumulo di energia (batterie) e in caso di black-out non possono garantire l’elettricità all’utente proprietario dell’impianto.E’ importante sapere che l’incentivo statale in conto energia può essere richiesto solamente per impianti connessi alla rete.

Una ulteriore classificazione può essere fatta in base alla potenza degli impianti:
- impianti di potenza non superiore a 200 kWp;
- impianti con potenza superiore a 200 kWp.
La seconda tipologia raccoglie un insieme di impianti particolarmente indicati per installazioni su immobili e terreni di attività commerciali, industriali di medie e grandi dimensioni.

Tali realizzazioni, oltre a beneficiare degli incentivi in conto energia, consentono di diventare produttori di energia elettrica e poter vendere tale energia secondo le modalità e le condizioni particolari previste per l’energia prodotta da fonti rinnovabili.

 
 
 
  CHI SIAMO - COSA FACCIAMO - COME LO FACCIAMO - PER CHI - SEDI OPERATIVE e PRESIDI